Esiste l’agente immobiliare perfetto? Sicuramente no. Esiste però un buon agente immobiliare, colui che si impegna quotidianamente per offrire al suo cliente un servizio accurato e onesto.

Esperienza e crescita professionale insegnano a svolgere il proprio lavoro in maniera impeccabile, con attività pensate non alla vendita, ma al cliente. Perché il cliente in un rapporto professionale è la cosa più importante. Per un agente immobiliare significa soddisfare una richiesta che prescinde dal tipo di immobile in vendita e che al contrario valuta i bisogni di chi si ha davanti.

La zona in cui si vuole acquistare casa a Sanremo, ad esempio, è un elemento che non tralascio mai. Ho clienti che ricercano immobile per essere più vicini ai servizi o perché per esigenze familiari o di lavoro necessitano un pied a terre proprio in un determinato quartiere.

Essere un buon agente immobiliare per me è proprio questo: non dimenticare mai la richiesta del cliente.

Che cosa significa nello specifico? Come si ragiona sulla persona e non sul risultato?

buon-agente-immobiliare-rapporto-cliente

Essere un buon agente immobiliare: 10 regole

  1. Aggiornamenti costanti

Fare bene il proprio lavoro significa offrire al cliente degli aggiornamenti costanti, dando dei feedback puntuali a chi ricerca un immobile. Questo significa che non basta fissare un appuntamento in ufficio e prendere i suoi dati con i dettagli della ricerca. Ascoltare se sono cambiate le sue richieste, informarlo sul lavoro svolto è una coccola che aiuta a svolgere al meglio il proprio lavoro. Al contrario sparire, e chiamare il cliente dopo mesi per informarlo di un nuovo immobile allettante, è la cosa peggiore che si possa fare.

  1. Onestà prima di tutto

Bisogna puntare sull’onestà evitando di concentrarsi sulla vendita ma  pensando al rispetto del cliente e della sua persona.

  1. Coerenza significa attenzione

Per essere un buon agente immobiliare bisogna rispettare le esigenze della richiesta mostrando e proponendo ciò che veramente sta cercando il cliente, con coerenza e attenzione.

  1. Cordialità e disponibilità

Avere cordialità e gentilezza aiuta a creare un rapporto di lavoro più chiaro. Per quanto sia importante utilizzare un linguaggio professionale, informare e spiegare al cliente i cavilli tecnici per l’acquisto di un immobile è più facile se lo si fa con il sorriso. E il cliente recepisce meglio il messaggio.

  1. Trasparenza, sempre e comunque

In una trattativa immobiliare agire mettendo in primo piano la trasparenza facilita il rapporto. Il cliente conosce ogni step per arrivare al rogito notarile e vive l’intera pratica con serenità.

  1. Non lasciare nulla al caso

Acquirente e venditore devono ricevere un servizio puntuale e serio, attento ai dettagli in cui nulla è lasciato al caso. Essere un buon agente immobiliare significa non fare scivoloni o dimenticanze.

  1. Indicazioni reali e attendibili

Riallacciandosi al punto precedente è importante che il mediatore sappia essere dettagliato e preciso con delle indicazioni reali sugli immobili e sulle varie zone della città in cui si lavora.

  1. Marketing strategico

Concorrere realmente senza denigrare gli immobili presenti nel portafoglio di altre agenzie immobiliari, collaborare in maniera professionale senza inutili sgambetti aiuta a crescere nel proprio lavoro e infonde sicurezza al cliente, che apprezza sia l’agente immobiliare come professionista sia come l’agente persona.

  1. Rapporto di fiducia

È indispensabile costruire un rapporto di fiducia e fare in modo che l’utente non si senta mai danneggiato.

  1. Massima disponibilità

Essere disponibile a prescindere dagli orari ripaga sempre. Magari si è più stanchi, magari ci si trova a lavorare più ore del previsto, ma il risultato ripaga di ogni sacrificio. Per soddisfare il cliente, un agente immobiliare deve essere capace di risolvere anche i suoi problemi e alcune volte può andare oltre i reali compiti. Accompagnarlo verso il rogito è uno dei tanti esempi.

Siete d’accordo con me sul decalogo del buon agente immobiliare?

 

 

Per questo articolo si ringrazia la collaborazione di Sara, che ha acquistato un immobile con Immosanremo e che è stata così gentile da farci avere la sua reale testimonianza.