Legge di stabilità del 2016: ecco le principali novità nel settore immobiliare

Nel settore immobiliare quali sono le principali innovazioni?

Innanzi tutto, è garantita la possibilità di cambiare la propria abitazione principale senza perdere l’agevolazione prima casa: chi infatti deciderà di acquistare un nuovo immobile e andarci ad abitare potrà farlo senza perdere nessun beneficio anche se è ancora in possesso del vecchio immobile, sempre e quando alieni quest’ultimo entro un anno.

Con questa nuova normativa, chi risulta già essere in possesso di un’abitazione acquistata con i bonus fiscali potrà acquistarne una nuova senza dover restituire i soldi allo Stato nel caso di acquisto di una seconda casa purché la prima venga venduta o ceduta anche a titolo non oneroso entro 12 mesi.

I parametri per richiedere i benefici della prima casa, non subiscono variazione.

Un altro aspetto importante della nuova normativa riguarda i bonus per l’arredamento ed il bonus arredamento per le giovani coppie.

Bonus Arredamento: questo bonus è riconosciuto esclusivamente a chi acquista arredo o grandi elettrodomestici per l’abitazione acquistata come prima casa che necessita di lavori di ristrutturazione. Il beneficio consiste in una detrazione ai fini Irpef del 50% delle spese sostenute per tali beni, da calcolare su un massimo di 10.000 euro.

Bonus arredo giovani coppie (fino a 35 anni ,che abbiano costituito un nucleo familiare e su prima casa acquistata): questo bonus prevede la possibilità di avere una detrazione ai fini Irpef del 50% sull’arredamento acquistato nel 2016, con un tetto massimo di spesa di 16.000 euro.
Tra le altre novità, che saranno approfondite nei prossimi articoli, vi ricordo:

abolizione tasi per le prime case;
i proprietari di casa che affitteranno a canone concordato, potranno usufruire di uno sconto del 25% sull’Imu riguardante l’abitazione data in locazione;
abolizione IMU sui terreni agricoli;
nessuna tasi per le case date in comodato d’uso ai figli;
ecobonus che prevede una detrazione pari al 65% dei costi sostenuti per interventi di miglioramento dell’efficienza energetica;
leasing immobiliare per i giovani sotto i 35 anni che hanno un reddito inferiore ai 55 mila euro.

Per esigenze di sintesi, non ho voluto menzionare in maniera certosina tutti gli articoli presenti nella legge di stabilità, ma se necessitate di ulteriori informazioni al riguardo non esitate a contattarmi.