Locazioni transitorie significato

Che cosa sono le locazioni transitorie ?

Oggi ti parlerò di un argomento su cui molto spesso si fa confusione, le locazioni di natura transitoria.

Le locazioni transitorie si attuano nel momento in cui  il proprietario di un immobile o il futuro inquilino devono affittare o ricevere in locazione l’appartamento per un periodo breve.

La stipula di un contratto transitorio è disciplinata dall’art. 5 della legge n. 431 del 1998. È stato predisposto per regolamentare i rapporti di natura breve come quelli di uno studente o di un lavoratore fuori sede.

Questo tipo di contratto si differenzia dai comuni contratti di locazione per la brevità del periodo di affitto rispetto alla durata prevista dalla legge.

Sono comunque due le caratteristiche che rendono una locazione di natura transitoria, sia che si tratti di locazioni transitorie ad uso commerciale sia ad uso abitativo:

  • La durata prestabilita
  • Il canone libero

Prova a leggere anche questo interessante articolo sui  contratti di locazione cliccandoci sopra

Locazioni transitorie: la durata

Al contrario di un comune contratto di locazione (di cui parleremo in un post apposito), la durata delle locazioni transitorie  deve variare da un minimo consentito di un mese fino ad un massimo di 18 mesi non rinnovabili.  La natura transitoria del contratto va dichiarata nell’accordo tra le parti e, cosa molto importante, verificata con una documentazione da allegare al contratto stesso e confermata sia da proprietario sia da inquilino.

Locazioni transitorie: i motivi

Quando si può stipulare un contratto di natura transitoria?  Esistono delle condizioni precise e nei casi del proprietario dell’immobile:

  • Deve vendere il suo appartamento a breve
  • Deve destinare l’immobile ad un’attività propria o a familiari
  • Deve far fronte a dei lavori edili
  • Deve risolvere dei problemi legati a separazione o divorzio legati all’immobile

Dall’altra parte l’inquilino può utilizzare il contratto di locazione transitoria se:

  • Ha un contratto o un trasferimento di lavoro momentaneo e di natura temporanea
  • Devono essere fatti dei lavori nella sua casa e per un periodo non può utilizzarla
  • Deve ricevere cure o assistenza per sé o per i familiari in un luogo diverso da dove ha la residenza
  • Attende la disponibilità di un immobile assegnato da un ente pubblico oppure l’ha acquistato

 

Se hai necessità di informazioni sul contratto di natura transitoria scrivimi o vieni a trovarmi in agenzia. Saprò rispondere alle tue domande e risolverò i tuoi dubbi per aiutarti a scegliere quale contratto di locazione è migliore per le tue esigenze.