Avere un mutuo al 100% vuol dire ottenere un finanziamento pari al 100% del valore di un immobile. In gergo finanziario si parla di mutui che hanno un loan to value (LTV) pari al 100%. Chiaramente, dal momento che la banca si impegna a concedere un importo molto più alto di quello che per consuetudine sarebbe normalmente concesso, seppure con interessi più alti del solito, per l’accensione di tale tipo di mutuo è consigliabile essere dotati di doppio reddito familiare, preferibilmente derivante da contratto a tempo indeterminato. Il motivo della richiesta ancora più decisa da parte delle banche di redditi fissi sta nel fatto che chi cerca un finanziamento che copra per intero il prezzo dell’immobile non ha capacità di risparmio, per cui non offre grandi garanzie per un rimborso prolungato nel tempo. Per questo motivo è più difficile trovare, nel panorama degli istituti di credito, prodotti adatti a coprire il 100% del prezzo di acquisto o del valore dell’immobile scelto.

Le banche che concedono i mutui al 100%

Tuttavia, oggi sono diversi gli istituti di credito che permettono di avere un mutuo con una percentuale di finanziamento ben oltre l’80% canonico. Periodicamente, le banche che aderiscono a questo tipo di iniziativa cambiano: capita perciò che se un mese UBI Banca promuova i mutui al 100%, un paio di mesi dopo non sia più possibile e tocchi a Unicredit. Ci sono quindi banche che sono tornate a proporre mutui 100% per tutti, ma chiedendo il pagamento di spread più alti. Gli unici costi che il richiedente del mutuo al 100% dovrà affrontare saranno le spese iniziali del mutuo, normalmente non finanziate dalla banca (ovvero le spese di perizia dell’immobile, di istruttoria mutuo e assicurazione immobile), oltre alle spese notarili per gli atti di mutuo e di compravendita.

Come funziona

Quando l’istituto di credito eroga un mutuo al 100%, normalmente eroga un finanziamento di importo uguale al valore dell’immobile ovvero il minore fra il prezzo dichiarato dall’acquirente, ossia il valore riportato nel compromesso di acquisto dell’immobile e il valore di perizia tecnica che un soggetto incaricato dalla banca rileverà a seguito di una ispezione dell’immobile con sopralluogo. Le banche per concedere un mutuo al 100% del valore dell’immobile ipotecato richiedono per legge una polizza fideiussoria (che solitamente ha un costo elevato). La normativa italiana prevede infatti che in questi casi è necessario presentare garanzie eccessive per coprire la percentuale eccedente la soglia limite dell’80%.