Che cos’è un preliminare di compravendita

Dopo aver visitato innumerevoli appartamenti hai trovato l’immobile che vorresti acquistare. Hai ponderato la tua decisione e ora vuoi portarla avanti.

Sai come devi bloccare la casa dei tuoi sogni e avviare una trattativa immobiliare con il proprietario?

Un immobile si blocca attraverso una proposta di acquisto (di cui parleremo in un altro specifico post) e se la parte venditrice accetta ciò che regolamenta tale proposta, per proseguire la trattativa immobiliare, serve un contratto preliminare di compravendita.

Avrai sicuramente già sentito questo vocabolo. Contratto di compravendita, preliminare o anche compromesso sono tutti termini che hanno lo stesso significato.

Vediamo di capire insieme che cosa è nello specifico questo documento, a che cosa serve, perché è importante e di quali parti si compone.

Il contratto preliminare di compravendita di un immobile: che cosa è e perché è importante

Il preliminare di compravendita o compromesso è un accordo tra le parti, un vero e proprio contratto (o scrittura privata se si regista all’agenzia delle entrate) tra parte acquirente e parte venditrice (anche chiamata parte promittente) che definisce le condizioni a cui si intende acquistare da una parte e si desidera vendere un immobile dall’altra.

In parole più semplici è l’accordo verbale tra chi acquista e chi vende messo però per iscritto con l’elenco dettagliato dei requisiti, degli obblighi e dei vincoli che permettono di concludere la trattativa immobiliare.

È un elemento fondamentale in una mediazione perché si dichiara la tua volontà di acquistare l’immobile come acquirente ma anche il proposito del proprietario di vendere quel preciso bene.

È uno strumento indispensabile e vincolante per entrambe le parti. Non avviene un trasferimento di proprietà ma permette di arrivare al rogito davanti al notaio con totale serenità. Questo perché il contratto preliminare di compravendita ha un valore giuridico e impegna a rispettare gli accordi presi insieme.

Quali parti compongono il contratto preliminare di compravendita di un immobile

Il compromesso, per essere dichiarato tale, deve contenere alcuni elementi essenziali:

  • La descrizione dettagliata dell’immobile
  • Il prezzo concordato di acquisto del bene
  • L’ammontare della caparra confirmatoria
  • Le scadenze in cui verrà versata la caparra confirmatoria e gli eventuali acconti prima di arrivare al rogito notarile
  • Le informazioni urbanistiche e, qualora ci fossero, le condizioni delle quote condominiali
  • I termini entro cui va consegnato l’immobile
  • La data (entro e non oltre) in cui ci sarà il rogito davanti al notaio

In conclusione

Il contratto preliminare di compravendita è uno strumento essenziale per acquistare o vendere un immobile. Affidarsi ad un’agenzia immobiliare consente di ricevere un servizio completo in cui, tra le altre cose, il mediatore si occupa anche della stesura del compromesso. In questo modo si è tutelati e maggiormente sereni in uno dei momenti più importanti della vita, quello di acquistare o vendere casa.

 

Se hai qualche dubbio sull’argomento, se hai bisogno di più informazioni sul preliminare di compravendita scrivimi o vieni a trovarmi in agenzia. Nel frattempo aspetto un tuo commento in questo articolo per conoscere la tua preziosa opinione.